tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

ottobre 29, 2015

  • Ingredienti: per 12 persone

Per la massa montata:
Burro 500 g
Amaretti 300 g
Tuorli 160 g
Albumi 300 g
Zucchero a velo 120 g
Farina 180 W 450 g
Lievito chimico 15 g
Zucca già pulita 1 kg

Per la bavarese allo zabaione e cioccolato bianco:
Marsala 200 g
Zucchero semolato 40 g
Tuorli 110 g
Gelatina in polvere 10 g
Cioccolato bianco 180 g
Panna al 35% di grassi 350 g

Per la gelée di zucca:
Zucca già pulita 1,2 kg
Zucchero semolato 400 g
Isomalto 400 g
Pectina 14 g
Acido citrico in polvere 8 g
Amaretti 100 g

Per la finitura:
Zucca già pulita 600 g
Amaretti 20 g
Gelatina neutra a freddo 100 g
Cioccolato bianco (miscela spray) 20 g
Cioccolato plastico color senape 150 g

Torta di zucca e zabaione al cioccolato bianco


0

  • Ingredienti:

3 fogli di colla di pesce
3 uova
180 gr di zucchero
50 ml di acqua
un pizzico di sale
70 gr di cioccolato fondente

I dolci di Halloween più spaventosi?

Un mare di fantasmi che invade la vostra casa ma…sono tutti da mangiare!

Dei soffici e dolcissimi marshmallow si travestono da fantasmi per dare alla vostra festa di Halloween il giusto tocco pauroso!

I dolcetti di Halloween vi faranno tremare dalla paura, ma al primo morso vi scioglierete per la loro dolcezza!

fantasmi-marshmallow


0

  • Ingredienti:

225 gr burro
225 gr zucchero
4 uova
225 gr farina
1 cucchiaino e ½ di lievito
2 pizzichi di sale
6 cucchiaini di acqua tiepida
6 cucchiaini di cacao

I dolcetti di Halloween vi faranno tremare dalla paura, ma al primo morso vi scioglierete per la loro dolcezza! Ecco tutte le ricette per una festa di Halloween da brividi!

Muffin di Halloween a forma di gufo! Un dolce di Halloween davvero simpatico: dei muffin con due grandissimi occhi che vi scrutano nel buio!

Muffin di Halloween a forma di gufo


0

ottobre 26, 2015

  • Ingredienti: per 6 persone

500 g di polpa di cocomero
300 g di zucchero semolato
100 g di cioccolato fondente
100 g di zucca candita
40 g di pistacchi
2 cucchiaini di acqua di gelsomino
zucchero a velo
sale

Il gelato al cocomero è uno dei tanti deliziosi dessert siciliani a base di frutta. E quello dell’isola è tra i più buoni e saporiti. Il limone, l’arancia, il melone o le fragole sono alternative altrettanto squisite al cocomero. Una variante di questo dolce è il cosiddetto “gelu i muluni”, ovvero il “gelo di cocomero”, con l’amido e senza il profumo di gelsomino, come veniva preparato a Palermo per celebrare la festa dell’Assunzione.

Gelato di cocomero


0

  • Ingredienti: per 6 persone

350 g di panna da mon­tare
150 g di lamponi
150 g di zucchero
150 g di latte
20 g di gelati­na in fogli
2 tuorli
un baccello di vaniglia
un cucchiaino di succo di limone

PIÙ FACILE
L'operazione per otte­nere l'effetto marmoriz­zato vi spaventa?
Per semplificare il tutto, ver­sate la crema rosa nello stampo e fatela rasso­dare in frigo; quindi completate con la cre­ma gialla e mettete in frigo per 6 ore. Bavarese marmorizzata


0

Halloween è una festività anglosassone che, traendo le sue origini da ricorrenze celtiche (All-Hallows-Eve), ha assunto negli Stati Uniti le forme accentuatamente macabre e commerciali con cui oggi la conosciamo.

Si celebra la notte del 31 ottobre. L'usanza si è poi diffusa anche in altri paesi del mondo e le sue caratteristiche sono molto varie: si passa dalle sfilate in costume ai giochi dei bambini, che girano di casa in casa recitando la formula ricattatoria del dolcetto o scherzetto. Tipica della festa è la simbologia legata al mondo della morte e dell’occulto, così come l'emblema della zucca intagliata, derivato dal personaggio di Jack-o'-lantern.

Jack-o'-Lantern

0

  • Ingredienti: per 84persone

Per la frolla:

    Farina 00 250 g
    Burro 125 g
    Zucchero semolato 125 g
    Tuorli 2
    sale un pizzico
    Buccia di limone 1/2
    Zucca cotta 600 g
    Mela cotta 1
   Uvetta ammollata nel rum 80 g
    Miele 4 cucchiai
    Amido di mais 1 cucchiaio
    Bustina di vanillina 1
    Cannella 1 pizzico
    Noci tritate 20

La golosa preparazione della crostata alla zucca. Segui passo dopo passo i nostri consigli e in pochi minuti avrai un gustoso dessert da servire ai tuoi ospiti!

Crostata alla zucca
1

ottobre 23, 2015

  • Ingredienti: per 8 persone

5 uova
120 g di zucchero + il necessario per lo stampo
1 pizzico di sale
90 g di farina setacciata
90 g di fecola
2 bustine di zucchero vanigliato
burro per lo stampo

Torta morbida una proposta semplice, leggera e profumata, ideale per la colazione e per la merenda.

Ottima anche a fine pasto, accompagnata da una macedonia.

Buon venerdì!

torta_44_al_coco_thumb2
0

  • Ingredienti: per 6-8 persone

185 g di burro
300 g di zucchero
4 grosse uova
120 g di fiocchi di noce di cocco
220 g di farina bianca
1 cucchiaino di lievito in polvere
1 presa di sale
6 cucchiai di latte
1 cucchiaino e 1/2 di aroma di cocco

Glassa:
200 g di zucchero
4 cucchiai di acqua
I cucchiaino di aroma di cocco
100 g di pecan

torta_44_al_coco
0

  • Ingredienti: per 10-12 persone

macedonia di frutta fresca g 300
panna fresca g 250
zucchero g 200
burro g 100
semolino g 80
3 tuorli
vanillina
fragole di bosco
mezzo litro di latte
panbrioche
Maraschino
sale

La frutta, alimento fondamentale della nostra dieta, garantisce l’assunzione della maggior parte delle sostanze nutritive di cui il nostro organismo ha bisogno.

Tra i più importanti possiamo citare le vitamine, le proteine, diversi sali minerali, zuccheri semplici, acqua e fibre.

piccole_charlotte_tiepide

0

ottobre 18, 2015

  • Ingredienti: per 10-12 persone

400 g di farina bianca
2 cucchiaini di lievito in polvere
1 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 cucchiaino di zenzero in polvere
1 cucchiaino di noce moscata in polvere
1/2 cucchiaino di sale
400 g di zucchero
250 ml di olio vegetale
4 grosse uova
400 g di purea di zucca
100 g di noci tritate finemente
50 g di zucchero a velo per spolverizzare

Servite questo dolce importante a Natale o in altri giorni di festa in autunno e in inverno.

ciambella di zucca e noci

0

  • Ingredienti: per 12 persone

100 g di fichi secchi
100 g di datteri
90 g di gherigli di noci
3 cl di armagnac
500 g di pasta frolla
100 g di burro
160 g di zucchero
80 g di mandorle tritate
1/2 stecca di vaniglia
1 puntina di sale
1 puntina di chiodi di garofano in polvere
1/2 cucchiaino di cannella
6 tuorli d'uovo
4 albumi d'uovo
50 g di farina
burro per la teglia
farina per la teglia
per guarnire:
zucchero a velo
glassa di albicocche
glassa fondente

CONSIGLI. Questo delizioso dolce ricorda molto i tradizionali cake inglesi, per il notevole impiego di frutta secca. Tuttavia, proprio la qualità di quest'ultima, costituita da fichi, datteri, gherigli di noci, ci rammenta che è originario di un paese mediterraneo.

torta francese ai fichi

0

  • Ingredienti: per 8 persone

marmellata di arancia g 650
burro g 100 più un po’
farina di farro g 100
zucchero g 70
pistacchi sgusciati g 60 più un po’
savoiardi g 60
farina 00 g 50 più un po’
2 uova
2 tuorli
un cucchiaino di lievito in polvere per dolci
un’arancia

Grazie all’alta solubilità in acqua, il farro consente al nostro organismo di assorbire più facilmente le sostanze nutritive in esso contenute; il farro contiene dei carboidrati con la particolare proprietà di favorire la coagulazione del sangue e di stimolare allo stesso tempo il sistema immunitario. Grazie all’alto contenuto di proteine e fibre, il farro è in grado di dare una sensazione di sazietà subito dopo il suo consumo ed è per questo che apporta benefici alle persone che hanno problemi di linea.

tortine di farro e marmellata di arance

0

  • Ingredienti: per 4 persone

pan di Spagna pronto, circa g 200
un uovo
panna montata g 100
crema Gianduia g 80
zucchero semolato g 20
2 arance
Grand Marnier
zucchero a velo
cacao amaro

Grand Marnier è un marchio di liquore creato nel 1880 a Neauphle-le-Château (dipartimento dello Yvelines in Francia) da Louis-Alexandre Marnier-Lapostolle. Il Grand Marnier è una miscela composta da vari cognac, essenze d'arancia ed altri ingredienti. Contiene il 40% di alcool (vol.), è prodotto in molte varietà, che possono essere consumate senza ghiaccio, senza acqua o in cocktail

tortine veloci con cioccolato e panna
0

  • Ingredienti: per 6 persone

Tortine:
farina g 75
zucchero g 75
cioccolato fondente g 50
2 uova
mandorle a lamelle
vanillina
burro
sale

Guarnizione:
gelato di banana
3 banane
burro
zucchero
menta fresca

 

tortine di cioccolato farcite con banane
0

ottobre 16, 2015

  • Ingredienti: per 8 persone

Pasta frolla:
farina: g 250
burro: g 100
zucchero: g 100
2 tuorli di uovo
buccia grattugiata di un limone
una bustina di vanillina

Per il ripieno:
crema pasticciera: g 300
pere: g 750
zucchero: g 150
parmigiano grattugiato: g 100
panna fresca: g 400
burro: g 70

La bontà delle pere quan­do sono accoppiate con un formaggio dal sapore pie­no come il parmigiano è conosciuta non solamente dai contadini ma anche da buongustai di tutto il mon­do. Questo dolce però non fa parte della tradizione conta­dina, bensì della cucina dei nobili italiani del Trecento.

Torta di pere e parmigiano
0

ottobre 15, 2015

La tradizione dolciaria danese è caratterizzata dalla sua semplicità.

Di fama mondiale sono i famosi biscotti al burro danesi ed i wienerbrød, prodotti dolciari da forno fatti di una pasta sfoglia molto ricca.

I più popolari sono senza dubbio gli spandauer (con crema o marmellata e glassa) e le kanelsnegle (girelle di pasta sfoglia con cannella e zucchero).

Tra i dessert più conosciuti vi sono: Gammeldags æblekage, un dolce a base di composta di mele, pan grattato dolce e panna montata; il rødgrød med fløde, una composta di frutti di bosco e panna; il fløderand, un budino morbido a base di panna e vaniglia (si serve di solito con fragole, ma anche altri tipi di frutta fresca o conservata).

denmark-map-of-europe-ppt-slide

0

I luk chup agli occhi di noi italiani ricordano la cosidetta frutta di Martorana una delle specialita’ tipiche della Sicilia (particolarmente della zona di Palermo).

Se pero’ l’italica frutta di Martorana e’ realizzata a base di pasta mandorle e zucchero qui gli ingredienti sono diversi per avere pero’ un aspetto estetico molto simile.

I Luk Chup derivano da una antica tradizione tramandata da un’influenza portoghese fin qui dai tempi in cui la capitale dell’allora Siam era Ayutthaya.

luk chup

0

  • Ingredienti:

70 g di pistacchi
20 g di mandorle
350 g di latte
100 g di miele
2 fuori i d'uovo

Come tutta la frutta secca il pistacchio è in grado di favorire l’abbassamento del tasso di colesterolo nel sangue riducendo così il rischio di malattie cardiovascolari; infatti la maggior parte dei grassi contenuti nei pistacchi sono monoinsaturi, che a differenza dei grassi saturi contenuti nelle carni rosse, hanno effetti benefici sul fronte della riduzione del colesterolo “cattivo”. La presenza nei pistacchi di sostanze con proprietà antiossidanti, dei fitosteroli e degli acidi grassi insaturi porta benefici al cuore rendendo questo frutto un alimento idoneo per la sua salute.

gelato di pistacchio
0

  • Ingredienti:

500 g di alcol a 95°
250 g di zucchero semolate
30 g di foglie fresche di genepì
10 g di fiori di genepì
200 g di acqua

Periodo di consumo: 2 anni
Come servirlo: liscio, in piccoli bicchieri; allungato con acqua bollente, ha un effetto balsamico contro raffreddore e influenza.

Per la preparazione di questo liquore, l’ideale sarebbe raccogliere le erbe nell’orto.

Non avendone la possibilità, richiedetele al vostro ortolano di fiducia, affinché ve le procuri fresche di raccolto.

genepy
0

  • Ingredienti:

40 g di zucca rossa candita
30 g di cedro candito
30 g di mandorle dolci
20 g di pistacchi
250 g di zucchero
1 l di latte
4 tuorli d'uovo
1 bustina di zucchero vanigliato.

l torrone è un dolce molto antico e viene considerato tipico di molte regioni, non solo italiane.
A Benevento, la tradizione del torrone risale all'epoca sannita: apprezzato e consumato dalle classi agiate, come da quelle più povere, il torrone era conosciuto già al tempo dei Romani come dimostrano alcuni scritti di Tito Livio. Anche il poeta latino Marco Valerio Marziale ci racconta che la cupedia, nome con cui era conosciuto dai romani il torrone, era una delle specialità gastronomiche del Sannio e non a caso i venditori ambulanti di torrone vengono chiamati "cupetari".
Gli Arabi portarono questo dolce lungo le coste del Mediterraneo, in particolare in Spagna e in Italia. La versione spagnola del torrone ha origine nella città di Alicante in particolare a Gigona e le sue prime attestazioni certe risalgono al XV secolo.
Secondo la tradizione cremonese, il primo torrone sarebbe stato servito il 25 ottobre 1441 al banchetto per le nozze, celebrate a Cremona, fra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti. Il nuovo dolce, sempre secondo la tradizione, venne modellato riproducendo la forma del Torrazzo, la torre campanaria della città, da cui avrebbe preso il nome. Questo episodio viene rievocato ogni anno con una Festa del Torrone. Tuttavia la prima notizia certa riguardo al torrone a Cremona risale al 1543, anno in cui il Comune di Cremona acquistò del torrone per farne dono ad alcune autorità, soprattutto milanesi.

Gelato al torrone
0

  • Ingredienti: per 6 persone

250 g di polpa di castagne
250 g di latte
100 g di panna da montare,
1 uovo
2 cucchiai di miele
2 cucchiai di rum
un pizzico di sale

L'importanza che il frutto ha da sempre rivestito nella coltivazione del castagno è testimoniata da tutta una serie di documenti che ne segnano il cammino via via nel tempo e fanno capire come essa influenzò la cultura e la politica dei luoghi.

Del resto la vita delle persone è stata strettamente legata ad essa, in quanto la castagna ha rappresentato per lungo tempo una delle fonti principali per l'alimentazione e non a caso è stata soprannominata “il cereale che cresce sull'albero”, perché molto simile al riso ed al frumento dal punto di vista nutrizionale.

Ciò ha fatto sì che si potessero trovare diversi modi di propagazione della pianta, cercando di affinarne le qualità, aumentarne le varietà e conseguentemente migliorarne il frutto che poteva essere utilizzato fresco, secco o macinato ai molini.

Gelato alle castagne
0

Dal classico limoncello al liquore all'uovo, dal limoncello al timo al liquore allo zenzero senza tralasciare quei liquori particolari come quello all'arancia speziato. Scopri con Sale&Pepe le 5 migliori ricette di liquori fatti in casa. Preparare un buon liquore in casa non richiede molto del vostro tempo ma il risultato è assicurato.

Il sapore e il gusto del vostro liquore dipendono dagli ingredienti ma soprattutto dal tempo di conservazione. Più il vostro liquore riposa, più il sapore risulterà forte. Si spazia dai liquori che richiedono un tempo di macerazione e conservazione di 8 giorni a quelli che vanno conservati quasi per un mese. Qualsiasi sia la vostra scelta. il risultato non potrà che essere quello di trovarsi di fronte un dono originale dal sapore speciale, un'idea gustosa per fare dei regali natalizi diversi dal solito o per stupire amici e parenti dopo una cena e un pranzo speciali.

procedimento base per la preparazione dei liquori
0

ottobre 14, 2015

  • Ingredienti: per 6 persone

150 g di riso
500 g di zucchero
15 uova
un litro di latte
un Bicchierino d'anice
buccia di limone grattugiata
2 Cucchiai di farina
burro
sale

La torta di riso carrarina  o massese, è di origine versiliese, infatti il suo nome, richiama in maniera chiara sia Carrara che Massa, e si presenta con una striscia sottile di riso, dal sapore caramellato, ricoperto da uno strato generoso, di crema compatta, che profuma di Sambuca.


0

ottobre 08, 2015

  • Ingredienti: per 4 persone

230 g di mandorle
180 g di zucchero
60 g di burro
3 dl di latte
mezzo cucchiaino di farina
2 uova
250 g di lamponi
sale

Da molto tempo i lamponi, grazie al loro contenuto di vitamina C, sono noti per le loro proprietà antinfiammatorie delle vie respiratorie; solo ultimamente, grazie a recenti studi scientifici, sono venute alla luce, soprattutto per quanto riguarda la varietà di lamponi scuri, le proprietà antitumorali di questo squisito frutto. Pare infatti che una sostanza in esso contenuta, presente anche nelle fragole, l’acido ellagico, sia un potente antiossidante con la proprietà di inibire l’alimentazione delle cellule tumorali, in particolare a livello intestinale.

torta_di_lamponi
0

Ingredienti: per 4 persone

1,2 kg di melone
200 g di zucchero
60 g di sciroppo di glucosio
2 cucchiai di succo di limone
Aceto balsamico tradizionale di Modena affinato q.b.

Com’è noto, la differenza tra gelati e sorbetti consiste nella presenza di latte nei primi e di soli acqua e zucchero nei secondi.

Data la loro semplicità, non è difficile intuire che i sorbetti abbiano un’origine più antica rispetto ai gelati.

Già nelle civiltà più remote, d’altronde, l’uomo ha imparato a conservare la neve e il ghiaccio in “nevaie” appositamente scavate nel terreno, per poterli poi utilizzare nei periodi più caldi dell’anno, per raffreddare bibite e vivande.

Ma se le prime prove di composti di ghiaccio misto a frutta sono anteriori al 1000 a.C., le prime notizie di un preparato in qualche modo simile al sorbetto moderno risalgono all’antica Roma.

Il console Quinto Fabio Massimo avrebbe inventato una vivanda dissetante composta da ghiaccio tritato, miele e succo di frutta, dalla consistenza densa e cremosa.

La passione per i sorbetti tra i latini, tuttavia, pare fosse diffusissima anche tra i condottieri romani più famosi. Le cronache, infatti, riportano che Giulio Cesare fosse ghiotto di un “sorbitium” a base di fragole e miele e pare sia stato Nerone ad introdurre ufficialmente il gelato nei banchetti imperiali.

Sorbetto al melone
0

ottobre 06, 2015

Ingredienti: per 8 persone

200 g di pasta frolla
300 g di ricotta
4 uova
150 g di zucchero
12 amaretti
1 limone
400 g di ciliegie
mezza Tazza di latte
vaniglia
burro
sale

Sia le Ciliegie che la Cerasuola fanno parte di un paniere di prodotti agroalimentari siciliani Dop in diversa forma.

La Cerasuola entra far parte,come varietà di olive insieme ad altre cultivar ,per le sue caratteristiche (colore, odore, sapore e valori chimici) di alcuni Dop di oli extravergini di oliva della Sicilia occidentale come i Dop:

  • Valli Trapanesi
  • Valle del Belice
  • Val di Mazara

crostata cerasuola
0

Ingredienti: per 6 persone

un bicchiere di vino dolce
un cucchiaio di gelatina di cotogne
50 g d'uva sultanina
25 g di granella di nocciole
25 g di canditi misti tritati
pepe
un cucchiaio d'aceto di mele

La mela cotogna è un frutto estremamente sano e ricco di vitamine che riesce ad apportare notevoli benefici a chi ne fa uso.

Ricco di vitamina A, B, C e PP, nonché di acido malico, tarnaico, pochi zuccheri e molte fibre, è un prodotto a basso contenuto calorico, ogni 100grammi di prodotto forniscono circa 26 calorie, è dunque adatto anche a chi soffre di diabete o chi ha necessità di seguire un'alimentazione a regime dietetico.

Salsa di cotogne
0

Ingredienti: per 6 persone

500 g di farina
300 g d'uva sultanina (zibibbo)
150 g di zucchero
25 g di lievito di birra
50 g di lardo
1 uovo
un Rametto di rosmarino
olio extravergine di oliva

Lo zibibbo è sia il nome di un vitigno che del vino dolce che se ne ottiene.

La parola "zibibbo" deriva dalla parola araba zabīb che vuol dire "uvetta" o "uva passita".

schiacciata zibibbo
0

ottobre 04, 2015

Ingredienti:

4 cornetti
50 gr. biscotti secchi
150 gr. cioccolato fondente
1 cucchiaio di cacao amaro
2 cucchiai di zucchero semolato
50 gr. nocciole tostate
1 cucchiaio di olio extravergine
1/2 bicchiere di liquore per dolci

    I tartufi sono relativamente rari, in quanto la loro crescita dipende da fattori stagionali, oltre che ambientali. In certe annate di particolare scarsità arrivano a costare cifre molto elevate (per il Tuber magnatum Pico, il bianco più pregiato, talvolta si è arrivati a 4.500 euro al chilo).

    Tartufo al cioccolato
    1

    ottobre 03, 2015

    In Islanda i dolci sono tanti e veramente buoni. Oltre alle ricette ereditate dalla dominazione danese si possono gustare:

    • Skyr: alimento simile allo yogurt ottenuto dalla fermentazione del latte scremato pastorizzato, generalmente aromatizzato con mirtilli e addolcito con zucchero e panna. È un prodotto tipico della cucina islandese e viene servito freddo in un recipiente di vetro, con una salsa a base di crema e zucchero a velo.

    Il formaggio era noto, seppur con sensibili differenze, in tutta l'area scandinava, restando in uso solo in Islanda.

     

    iceland-map
    0

    ottobre 02, 2015

    Ingredienti: per 6 persone

    Per la crema:
    1/2 l di latte
    4 tuorli
    80 g di zucchero
    30 g di farina bianca 00
    1 cucchiaio di fecola

    Per il croccantino:
    120 g di zucchero
    4 cucchiai d'acqua
    120 g di mandorle sgusciate

      UN' IDEA IN PIU': Potete sostituire il croccantino con della granella di muesli: mescolate 200 g di muesli pronto (con fiocchi d'avena, nocciole, uvetta o altro) a 2 cucchiai di miele. Cospargetelo su una teglia e passatelo in forno a 200°C per 10 minuti, sbriciolatelo con le dita e spolverate sulla crema fredda.

      crema_fredda_al_croccantino
      0

      ottobre 01, 2015

        1.-Torta al cioccolato con ragnatela. Torta al cioccolato con ragnatela.
        Ingredienti: per 8 persone una torta al cioccolato pronta 250 g di zucchero a velo 2,5 dl di panna fresca 100 g di gocce di cioccolato un tubetto di gelatina alimentare verde o blu Per fare la ragnatela: disegnate 5-6 cerchi concentrici con la gelatina. Poi con uno stecco tracciate tanti “spicchi” così da simulare la ragnatela, da sembrare una vera e propria opera d
      1

      Random Posts

      Il Mondo dei Dolci in Google+

      Feedelissimo m

      Il Mondo dei Dolci in Pinterest

      Il Mondo dei Dolci su Facebook