tumbler, ananas, dolci, ricette, gastronomia Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torta, noci, dolci, e bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina torta pasticcioto, Salento, Puglia, ricette, cucina
Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

giovedì 23 luglio 2015

Capirotada budino messicano di pane con ingredienti autoctoni e originali del XVI secolo.

  • Ingredienti: per 4 persone

1.4 kg di pane raffermo messicano tagliato a pezzi
50 gr di burro
300 ml di acqua
3 coni di piloncillo (o 400 gr di zucchero di canna)
1 bastoncino di cannella
5 gr di semi di anice
100 gr di  noci del Messico, tagliate
200 gr di uvetta messa a bagno in acqua calda
2 mele grandi, o 3 piccole, sbucciate, pulite e tagliate a pezzi
100 gr di formaggio queso fresco sbriciolato
15 gr di scorza d’arancia
5 gr di scorza di limone
2 gr di chiodi di garofano
5 gr di cannella
4 tuorli d’uovo
940 ml di latte
1 pizzico di sale
60 ml di sherry


 Capirotada è un budino di pane messicano che viene tradizionalmente consumato durante la Quaresima. E 'generalmente composto di pane tostato francese, imbevuto di sciroppo , zucchero, uvetta e noci. Lo sciroppo è mescolato con un po 'di acqua o latte per renderlo meno denso; piloncillo (zucchero di canna messicano), cannella e noce moscata. Va servito caldo, ma molti scelgono di lasciare raffreddare.

Poiché si tratta di ingredienti autoctoni, sono ancora gli ingredienti identici a quelli utilizzati nel corso del 1640 per fare pane e dolci.

Gli ingredienti e le ricette sono state registrate dal Sant'Uffizio della Inquisizione e salvati fino ad oggi negli archivi.
Gli ingredienti di base portare un ricco simbolismo alla Passione di Cristo , e il piatto è visto da molte famiglie messicane e messicano-americana come ricordo della sofferenza di Cristo Venerdì Santo .

Il pane è per il Corpo di Cristo, lo sciroppo è il suo sangue, l'uvetta sono i chiodi della croce, e le stecche di cannella intere sono il legno della croce. Il formaggio fuso sta per la Sacra Sindone.

Capiratoda

Budino di pane con ciliegie e uva passa.

  • Ingredienti: per un budino piccolo di 4 porzioni abbondanti

Pane raffermo
Latte q.b.
3 cucchiai di zucchero
½ busta di vanillina
Un pugno di uvetta
15 ciliegie
1 uovo
Liquore
Zucchero per caramellare lo stampo


E’ una ricetta molto semplice, un classico utilizzo del pane raffermo che quasi per magia diventa qualcosa di molto buono.

Il budino di pane ha un gusto unico, inconfondibile.

budino_di_pane

Il Kaiserschmarrn, scopri tutta la cremosità di un grande classico della cucina austriaca.

  • Ingredienti: per 4 persone

60 gr. di uvette
3 cucchiai di rum
3 uova
150 gr. di farina 00
1 cucchiaio di zucchero a velo + altri 2 per spolverare
sale
1 bustina di zucchero vanigliato (8 gr)
125 ml. di latte
40 gr. di mandorle a scaglie
del burro
composta di mele o prugne a piacere


Scopri tutta la cremosità. Un grande classico austriaco: il Kaiserschmarrn. Si tratta di un dessert fatto di un impasto sullo stile di quello per le crepes, a cui vanno aggiunte uvette imbevute nel rum e mandorle a scaglie; il tutto va cotto in padella con il burro, fatto a pezzi e servito con una spolverata di zucchero a velo, accompagnato da composta di mele o prugne.  È un dolce molto sostanzioso, che viene servito in porzioni molto abbondanti e va quindi molto spesso a sostituire un pasto.  La ricetta  è per due porzioni, se servito come pranzo o cena, o per quattro porzioni da dessert.
Kaiserschmarrn

martedì 21 luglio 2015

Stelle di cheesecake al mascarpone e cioccolato.

  • Ingredienti: per 4 persone
Per la base:
    250 g di biscotti secchi
    80 g di burro fuso (freddo)
    4 cucchiai di cacao in polvere
    1 cucchiaino di cannella

Per la farcia:
    250 g di mascarpone 
    200 g di panna da montare
    10 g di colla di pesce
    2 cucchiai di latte
    60 g di zucchero a velo

Per la decorazione:
    cacao amaro in polvere
    stecche di cannella
Scopri tutta la cremosità del Mascarpone dal gusto delicato, ideale per i dolci o da usare al posto della panna per mantecare i primi piatti e i secondi.
Stelle di cheesecake al mascarpone e cioccolato

Dolce di albicocche con glassa al vino.

  • Ingredienti: per 6 persone
200 g di farina
    100 g di burro
    50 g di zucchero di canna
    1 uovo
    buccia di limone grattugiata
    burro
Per il ripieno:
    750 g d'albicocche
Per la glassa:
    succo di limone
    2 dl di vino bianco
    50 g di zucchero
    un Cucchiaio di fecola
    2 dl di panna fresca
Per la decorazione:
    Qualche albicocca
    una Manciata di mandorle tagliate a bastoncino
Premettiamo che grazie  all'alto contenuto di vitamina A e vitamina C in unione con l'abbondanza di potassio e di fibre alimentari, l'albicocca, grazie anche alla sua buona digeribilità, è senza dubbio un frutto con buone proprietà dal punto di vista nutrizionale.
Infatti la sua assunzione è particolarmente indicata per chi ha problemi di anemia o di spossatezza cronica, per le persone convalescenti, per gli anziani e per i bambini nell'età della crescita.
La vitamina A è altresì utile per lo sviluppo delle ossa e per il corretto funzionamento di tutti i tessuti del nostro organismo, mentre, l'alta percentuale di potassio presente nell'albicocca è in grado di prevenire vari disturbi a livello nervoso e muscolare. Sempre a proposito della vitamina A ricordiamo che essa è in grado di stimolare la produzione di melanina, la sostanza responsabile dell'abbronzatura e della protezione della pelle. Il sorbitolo invece conferisce all'albicocca leggere proprietà lassative.
Dolce di albicocche con glassa al vino

Tartufi di cioccolato, facili, veloci da preparare e di sicuro successo!

  • Ingredienti: per 8 persone
130 g di cioccolato fondente
100 g di granella di nocciole 200 g di zucchero a velo
30 g di cacao amaro
40 g di Olio Extra Vergine d’Oliva Riviera Ligure DOP

Dolcissime e morbide delizie al cioccolato: facili, veloci da preparare e di sicuro successo!
Da Nord a Sud, l’Italia è unita anche dal cioccolato.
In Sicilia la tradizione del cioccolato ha le sue radici a Modica, dove nel XVI secolo gli Spagnoli ne introdussero la lavorazione “a freddo” senza concaggio (ovvero senza la lunga fase di miscelatura a 45-50° C), mutuata dagli Aztechi.
A Nord, ecco la lunga storia d’amore tra Torino e l’ineffabile bontà del cioccolato, iniziata nella seconda metà del Cinquecento con una tazza di cioccolata fumante servita da Emanuele Filiberto di Savoia alla città per festeggiare il trasferimento della capitale ducale; fu solo il primo passo, seguito dalla creazione di svariati cioccolatini, tra cui il Gianduiotto, e del famoso Bicerin.
Quando la civiltà europea conobbe il cacao (ovvero all'inizio del XVI secolo a seguito dell'ultimo viaggio di Cristoforo Colombo in America), nella parte meridionale del continente americano le civiltà Maya e Olmeche lo coltivavano già da secoli. Per i Maya il cioccolato era cibo degli Dei ed era consumato dalle classi più nobili  soprattutto sotto forma di bevanda.
Per secoli al cioccolato sono state attribuite virtù miracolose; oggi è considerato una fonte di importanti sostanze (come polifenoli e fosforo) in grado di portare considerevoli effetti benefici, non solo sull'umore.
Tartufi di cioccolato

Strudel alle ciliegie, una golosissima variante del tradizionale strudel.

  • Ingredienti: per 6 persone
Per la pasta:
    250 g di farina
    200 g di zucchero
    2 Cucchiai d'olio di semi o 60 gr di burro
    8 cl d'acqua calda
    sale q.b.
Per il ripieno:
    1 kg di ciliegie nere e mature
    100 g di pane grattugiato o biscotti
    60 g di burro
    150 g di zucchero
    1 limone
    un Pizzico di cannella

Una golosissima variante del tradizionale strudel, arricchita dall’inebriante sapore delle ciliegie.
Lo strudel è una ricetta emblematica della gastronomia europea nella quale le tradizioni nazionali si fondono dando vita a piatti largamente diffusi in diverse zone.
Sebbene sia idea diffusa che lo strudel sia una pietanza prettamente austriaca, infatti, in realtà questo dolce delizioso affonda le sue radici nella tradizione culinaria turca.

Tra il 1526, anno nel quale iniziò il dominio turco del Regno d’Ungheria, e il 1699, anno nel quale gli Asburgo sconfissero gli ottomani riuscendo così ad annettere l’Ungheria, gli ungheresi vissero a stretto contatto con le tradizioni e la cultura turca finendo per assimilarne diversi aspetti, tra cui alcune usanze gastronomiche, come quella, ad esempio, di preparare dolce di nome “baclava” ripieno di frutta secca e spezie.
In seguito all’annessione del Regno di Ungheria da parte degli Asburgo, poi, questo dolce venne assimilato anche dagli austriaci che però sostituirono la frutta secca con le mele, frutto molto diffuso in patria, dando così vita al moderno Strudel che si diffuse molto presto in Italia.
Quando nel 1815 il Congresso di Vienna sancì la fine dell’indipendenza delle Venezie che vennero annesse all’Austria, infatti, lo strudel si diffuse anche in quella regione, divenendo così tipico anche del nord-est italiano.
Strudel alle ciliegie

domenica 19 luglio 2015

Delizia d'estate, con anguria e melone.

Ingredienti: per 4 persone

350 g di sorbetto di anguria
350 g di sorbetto di melone
un melone
100 g di panna
una bustina di vaniglina
mezza anguria piccola
2 cucchiai di zucchero al velo
rhum

 Alcune delle preziose proprietà dell'anguria sono state confermate di recente da parte della scienza, che ha constatato la sua capacità di rappresentare un aiuto naturale contro le malattie cardiache e di ridurre i livelli del colesterolo cattivo.

Il consumo di anguria può permettere inoltre di mantenere il peso sotto controllo.


delizia_destate

Cream soda alla fragola, delizia d’estate.

Ingredienti: per 4 persone

500 g di fragole
seltz
zucchero
4 palline di gelato alla fregola
4 palline di gelato al kiwi
kiwi
una bombola di panna montata
vino bianco
acquavite di fragole o lamponi
qualche foglia di menta

La ricetta per la Cream Soda, scritta da E. M. Sheldon e pubblicata sul Michigan Farmer nel 1852, ha come componenti acqua, bitartrato di potassio, solfato di magnesio, zucchero, acido tartarico, uova e latte, da miscelare quando è riscaldato, mentre quando si raffredda si mescola con acqua e un quarto di cucchiaino di bicarbonato di sodio per rendere la bevanda effervescente


cream_soda_alle_fragole

Paninetti con uvetta e pinoli.

Ingredienti: per 18 paninetti.

500 g farina per pizze
200 g uvetta
150 g latte
100 g pinoli
50 g burro
25 g lievito di birra
zucchero a velo
sale.

A tutt'oggi i pinoli sono poco utilizzati ma in realtà essi rappresentano un vero e proprio integratore alimentare da utilizzarsi soprattutto quando il livello di energia del nostro organismo va giù; il loro consumo è consigliato per chi si sottopone ad ore snervanti di studio o a grandi stress fisici dovuti ad attività sportive. Proprio per l'elevato contenuto calorico e di grassi i pinoli vanno consumati con moderazione soprattutto da chi è in sovrappeso.


paninetti_con_uvetta_e_pinoli

giovedì 16 luglio 2015

Scodelline di pane con gelato al rum.

Ingredienti: per 6 persone

Per il gelato e la salsa:

300 g di latte
200 g di panna fresca
120 g di zucchero
100 g di cioccolato fondente
rum.

Per le scodelline:

6 fette di pan brioche.

L'elevato potere energetico delle noci, se da un lato rappresenta un fattore negativo per chi ha problemi di sovrappeso, dall'altro può rappresentare un elemento molto interessante per chi svolge attività sportiva.

E' interessante sottolineare come l'arginina, prima citata, ha la capacità di dilatare i vasi sanguigni che portano il sangue ricco di sostanze energetiche ai muscoli, oltre naturalmente all'ossigeno, migliorando di conseguenza le prestazioni fisiche.

Scodelline di pane con gelato al rum

Torta glassata di carote e noci.

Ingredienti: per 8-10 persone

250 g di farina bianca
2 cucchiaini di lievito in polvere
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 cucchiaino di noce moscata in polvere
1/2 cucchiaino di sale
200 g di zucchero
3 grosse uova
250 mi di olio vegetale
250 g di carote grattugiate
100 g di noci tritili grossolanamente
100 g di ribes
1 dose e 1/2 di glassa al formaggio senza le albicocche

L'elevato potere energetico delle noci, se da un lato rappresenta un fattore negativo per chi ha problemi di sovrappeso, dall'altro può rappresentare un elemento molto interessante per chi svolge attività sportiva.

E' interessante sottolineare come l'arginina, prima citata, ha la capacità di dilatare i vasi sanguigni che portano il sangue ricco di sostanze energetiche ai muscoli, oltre naturalmente all'ossigeno, migliorando di conseguenza le prestazioni fisiche.

torta_glassata_di_carote_e_noci

Crostata delle alla frutta, un dolce classico ma intramontabile.

Ingredienti: per 6-8 persone

150 g di farina bianca
2 cucchiai di zucchero
1/8 di cucchiaino di sale
6 cucchiai di burro freddo, a pezzi
1 grosso tuorlo
1 cucchiaio di acqua ghiacciata

Guarnizione:

1 dose di crema alla vaniglia
500 g di frutta fresca a fette o frutti di bosco, interi
80 g di marmellata di albicocche, tiepida

La crostata alla frutta è un dolce classico ma intramontabile.

Una torta colorata, fresca e profumata, da preparare con frutta diversa e di stagione

crostata_delle_occasioni_speciali

martedì 14 luglio 2015

Coni golosi alla crema ganache piccante.

Ingredienti: per 4 persone

250 g di farina
2 uova
4,5 dl di latte
250 g di panna
un di di birra
100 g di zucchero
200 g di cioccolato fondente
burro
cannella
un peperoncino rosso

La crema ganache, detta anche parigina, si ottiene mescolando panna fresca e cioccolato insieme a una piccola parte di burro. Si prepara versando la panna bollita sul cioccolato e mescolando con piccole oscillazioni al centro del recipiente.

coni_golosi_alla_crema_ganache_picante_thumb[1]

Deliziosa torta di carote, cioccolato e cocco.

Ingredienti: per 4 persone

200 g di farina bianca 00
100 g di farina di cocco
150 g di zucchero
150 g di carote
100 g di cioccolato al cocco
50 ml di olio di semi
50 ml di latte
3 uova
1 bustina di vanillina
1/2 bustina di lievito

Essendo la noce di cocco ricca di potassio rappresenta un ottimo alimento ricostituente per reintegrare i sali minerali in caso di bisogno; la buona presenza di vitamina B e C la rende utile nel trattamento di alcuni disturbi quali possono essere la debolezza in generale, problemi di nervosismo e i disturbi urinari. Secondo alcuni studi la noce di cocco aiuterebbe ad eliminare l'aria presente in eccesso nello stomaco e nell'intestino e avrebbe anche proprietà utili al fine di eliminare le tossine presenti nell'apparato digerente.

Torta di carote, cioccolato e cocco.

Ultime ricette pubblicate

I miei preferiti